lunedì 8 ottobre 2018

Organizzando un viaggio

Viaggiare da soli o in compagnia

Mi piace tanto organizzare i viaggi che facciamo.
Dopo aver stabilito le date e il mezzo di trasporto mi metto a raccogliere tutte le informazioni possibili e immaginabili sul luogo che andremo a visitare.
All'inizio della mia esperienza di viaggiatrice andavo da sola. Dopo si è aggiunto il mio fidanzato che poco tempo dopo è diventato mio marito e in men che non si dica si sono aggiunti i nostri due figli. Per un bel pò di tempo ci si viaggiava tutti e quattro insieme. Molte volte alle nostre esperienze si sono aggregati altri parenti.
Sono passati gli anni e i figli si sono cresciuti e si sono sentiti liberi a fare le loro esperienze di vita in giro per il mondo, allora con un pò di anni in più sulle spalle ci si è tornati a viaggiare in coppia.
Penso che viaggiare in due sia una ottima cosa, si vivino delle emozioni importanti e sconosciute indescrivibili, ci si ride e si chiacchiera tanto, uno organizza e l'altro completa e suggerisce modifiche all'esperienza che si va a fare. Il desiderio di conoscere il più possibile l'ignoto stimola le conversazioni e le discussioni, rende più aperti al pensiero dell'altro e allo scrutamento delle novità che porta il viaggio nella nostra vita.
Anche viaggiare da soli non è male, si segue il proprio ritmo, il senso della libertà ti avvolge e ti da una spinta non indiferente, scopri in te stesso delle nuove potenzialità anche sconosciute, si è estremamente aperti al mondo ci si arricchisce di esperienze, di volti di caratteri nuovi con i quali ci si mette in contatto durante il viaggio.
Viaggiare in gruppo di tre o più persone è più complicato, ci si perde un pò di tempo per seguire e realizzare i desideri e/o le esigenze di ognuno e di tutti quanti, è più difficile prendere velocemente decisioni comuni, bisogna un pò accontentarsi e/o seguire il più fedelmente possibile il programma stabilito in precedenza.


Mezzi di trasporto

Con il passare degli anni sono cambiati i mezzi di trasporto.
Quando ero ragazza ci si viaggiava molto in treno e in bus.
Quando si viaggia con i bambini si predilige la comodità della macchina. All'inizio dei duemila i viaggi in macchina erano abbastanza comodi e frequenti, almeno in giro per l'Europa.
Il secondo decennio dei duemila ha portato un aumento dell'offerta di viaggio delle compagnie aeree e la nscita e sviluppo di molte compagnie aeree low cost di conseguenza il viaggio in aereo è non solo il più veloce, ma molte volte anche il più economico e quel che è meglio ci si risparmia molto tempo.


Organizzarsi in tempo o viaggiare last minute

Negli ultimi tempi si nota un esponenziale aumento delle offerte last minute. Personalmente noto che questo modo di viaggiare sta diventando sempre più frequente tra i viaggiatori di tutto il mondo. Non so dire se sono i grandi operatori dei viaggi che lo simulano o è la quotidianità delle persone, la voglia di essere liberi da qualsiasi vincolo o impegno che da la maggior spinta.
Il fatto sta che sempre più persone preferiscono viaggiare last minute.
Ci sono comunque diversi posti, importanti per i viaggiatori dove il last minute non vale. Mi vengono in mente i voli intercontinentali, dove prima prenoti, miglior offerta trovi.
Le ferrovie inglesi, Londra e dintorni in particolare, anche sul loro sito internet, hanno una nota dove specificano che il miglior periodo per prenotare è con 120 giorni di anticipo.
Diverse esposizioni e musei, in varie città e capitali del mondo necessitano di una prenotazione anticipata di almeno due settimane, mi viene in mente Villa Borghese a Roma, lo Sky Garden di Londra, ecc.


Come organizzare il viaggio perfetto

Secondo me per organizzare il viaggio perfetto nella modalità fai da te bisogna seguire questi
passaggi:
  1. Stabilire il periodo quando ci si può staccare dalla quotidianità con un certo anticipo e per quanto tempo.
  2. In base al tempo che si ha a disposizione selezionare la meta.
  3. Selezionare il miglior modo di trasporto per raggiungere la meta preferita.
  4. Selezionare il luogo dove si alloggia e le attività che si vogliono fare in linee generali.
  5. In base alle esperienze che prendono più tempo organizzare nel modo più dettagliato possibile l'intera giornata stabilendo tempi di camminata, vari giri e tempi di ristoro.
  6. Cercare di diminuire o eliminare i tempi morti di attesa e di fila per entrare nei vari luoghi che si vuole visitare.

giovedì 27 settembre 2018

Tra Sirenetta e Nyhavn

La Sirenetta è l'attrazione più visitata di Copenhagen e per alcuni molto discussa per la sua
piccolezza.
A me non è sembrata tanto piccola e l'ho trovata addatta per la sua grandezza perché non stravolge l'immaginario fiabesco di Andersen.
Il lungo mare dove si trova la sirenetta è meraviglioso, da un lato il mare e dall'altro Kastellet e
Sant Alban Church e infatti è inserita nei percorsi turistici da fare a piedi.



Camminare tra il quartiere residenziale di Nyborder e vedere il sole che si avvicina al tramonto riflettendo la sua luce rossastra tra le case e i palazzi rende la passeggiata molto romantica.






Arriviamo vicino a Nyhavn e oltre al cantiere per la nuova metro di Copenhagen ci attira l'attenzione il Museo d'Arte Contemporanea Charlotenburg.
Dopo la visita al Museo ammirare il tramonto a Nyhavn e trovare il posto più adeguato alle nostre esigenze per una buona cena è d'obbligo.
 






 






venerdì 1 giugno 2018

Kastellet - Copenhagen, perdersi tra il verde e il relax

Era il primo giorno a Copenhagen. Siamo arrivati nel pomeriggio, io nostro aereo atterrava verso le
14.30. Tra prendere i bagagli, fare il biglietto giusto per le nostre esigienze, trovare la metro (molto facile e veloce), scendere a Norreport per prendere l'autobus che ci portava fino all'appartamento che avevamo prenotato per il nostro soggiorno (al primo impatto le fermate del bus erano molto poco visibili per noi e non chiare), dovevammo recuperare le chiavi e fare il self check-in ... il tempo è passato e non siamo riuscit ad andare alla visita guidata di Christianshavn.
Va bene, pace, cose che capitano, la prima volta in Copenhagen!
Ci rilassiamo un pò nell'appartamento e ci avviamo alla scoperta della città e decidiamo di andare alla Statua della Sirenetta.
A 300 metri dall'appartamento c'è la fermata del bus. Siamo di Roma e a volte siamo imazienti ad aspettare il bus. Allora saliamo nel primo che arriva! Ha che bello! Godiamo una parte residenziale della città e arriviamo a Nordhavn. Poco male, a una fermata di metro c'è Osterport e da li passando per Kastellet arriveremmo alla Sirenetta.
Visto nella mappa il percorso sembra niente
male: è un isolotto circondato da percorsi d'acqua a forma di stella.
La realtà è meravigliosa!
Kastellet è una zona militare a libero accesso del pubblico, è un area verde, è una zona estremamente pulita e ordinata.
Ecco alcune foto.
Oltre agli ambienti per i militari c'è un mulino a vento del 1847 chiaramente rialzato rispetto all'originale.

giovedì 24 maggio 2018

Giro d'Italia a Roma

La 21° tappa del giro d'Italia si svolgerà il 27 Maggio a Roma e sarà 115 km lunga.
Fonte: Romatoday.it
Da giorni la macchina organizzativa e di sicurezza sta lavorando per assicurare un percorso sicuro per sportivi e spettatori.
La gara interesserà un percorso di 11,5 km nel centro cittadino.
Partendo da Piazza Madonna del Loreto si attraverserà via Nazionale, via Sistina, Piazza del Popolo, il Circo Massimo, le Terme di Caracalla prima dell’arrivo ai Fori Imperiali sotto il Colosseo.

martedì 22 maggio 2018

Copenhagen, enjoy the day!

La più recente meta dei nostri viaggi all'estero è stata Copenhagen.
Tra un impegno di lavoro e l'altro vennero fuori quattro giorni consecutivi liberi. Che facciamo! Dove andiamo? Diamo un'occhiata alle offerte di volo e troviamo un last minute per Copenhagen. Bene, che si fa? Mica possiamo lasciar stare questa occasione! Abbiamo lavorato a Pasqua e pasquetta, lo meritiamo qualche giorno di riposo e di svago, anche se come dice mio marito e compagno di viaggi, i miei viaggi non sono mai di relax. Per forza ragazzi, preferiamo le città d'arte e le capitali dove ci sono così tante cose da vedere e gustare ... poi il tempo, questo tirano, è sempre poco!
Ogni posto ha tanta cultura e storia da raccontarci e noi assettati di conoscere e di apprendere dobbiamo sfruttare al massimo l'occasione.
Copenhagen è una capitale con carattere e fascino.
L'organizzazione di un viaggio economico necessita delle informazioni e notizie che non si trovano facilmente su internet.
Per esempio la moneta è la corona danese (DKK), non l'euro, e i danesi tengono tanto alla loro moneta - è una delle principali ragioni di  "HYGGE" (il metodo danese di essere felici e vivere bene).
Un'altra ragione di HYGGE sono le tasse: I danesi sono contenti di pagare tante tasse perché sono convinti che in questo modo possono avere indietro tanti servizi che rendeno la loro vita più agevole. Penso che l'immediata conseguenza delle tasse alte siano prezzi alti!
In più anche il tasso di cambio Euro - Dkk e le commissioni.
Come possiamo risparmiare? Abbiamo fatto un giro e delle valutazioni delle varie agenzie di cambio. Le prime agenzie si trovano in aereoporto, proprio agli arrivi, e offrono il cambio anche senza commissione. Non sono i
più convegnenti, perché il loro tasso di cambio è molto basso. Se cambi una certa cifra ti fanno anche una certa offerta. Non fidatevi, in città si trova di meglio.
Dove? Proprio in centro!
Il posto migliore che noi abbiamo trovato, che è aperto anche il sabato sta proprio all'inizio di Stoget - Frederiksberggade, alla destra, dopo Burger King, è un negozio di souvenir che fa anche cambio moneta. Fa pagare una commissione fissa nella misura di 45 Dkk sia che si cambino pochi euro sia che si cambino tanti.
Ha il miglior corso di cambio, non solo in zona, ma anche paragonato a quello delle zone periferiche della città. Quindi vi conviene fare un conteggio approssimativo su quanto potreste spendere e cambiare per avere contanti in mano. Per il resto, specialmente biglietti di treno ecc. conviene pagare direttamente con la carta, ma se si vuole prendere una birra a Nyhavn o mangiare qualcosa per strada o anche cercare di essere del posto per poco tempo e ragionare in corona danese, servono i contanti.
Per l'alloggio abbiamo affittato l'appartamento di
Jens su Airbnb. L'esperienza di soggiornare in un quartiere residenziale, non molto lontano ma non proprio al centro della città, è molto autentica per conoscere da più vicino la vita della gente del posto.

.... il resto al prossimo post .... a presto!!!.....

giovedì 17 maggio 2018

San Giovanni - Nuovo collegamento Metro A e Metro C

 Il mese di Maggio insieme al profumo delle rose ha portato una bella sorpresa per l' ABC Home. Finalmente è avvenuta la tanto attesa apertura del collegamento tra la Metro A (linea rossa) e la Metro C (linea verde).
La nuova stazione metro è molto bella e moderna. Si tratta di una stazione museo archeologico unica al mondo nel suo genere. C'è stata molta attesa per l'apertura di questa stazione metro sia dagli abitanti della zona e delle zone che raggiunge la metro C, la quale arriva fin fuori raccordo anulare della città, sia dai turisti in visita alla città eterna.
Per noi di ABC Home è veramente entusiasmante poter spiegare ai nostri ospiti che veramente molto facilmente possono raggiungere qualsiasi punto della città.
Prendere un pò di tempo per osservare i vari stand e leggere le spiegazioni o vedere i video che vengono proiettati sarà tempo guadagnato in una conoscenza più approfondita del sottosuolo di Roma e questo completerà la vostra visita negli altri siti archeologici della città.

domenica 10 dicembre 2017

Londra in quattro giorni - Secondo giorno

Secondo giorno
Vista di London Bridge e The Shard da Sky Garden
Cominciamo il secondo giorno con una visita al Sky Garden al 20 Fenchurch Street. La vista di
Londra dall'alto è veramente affascinante.
In questo periodo le giornate sono abbastanza corte e il tempo molto instabile, quindi anche durante il giorno si fotografa quasi sempre il tramonto.
Girando per Londra le cose da vedere sono tantissime e relativamente vicine una dall'altra, almeno noi ci siamo organizzati in questo modo. Ho diviso la citta in zone, poichè abbiamo poco tempo per visitarla tutta, e mi
Tower of London e Tower Bridge
piace di viaggiare con i bus a due piani. Da Sky Garden andiamo a Tower Bridge passando dietro il Tower of London, poi i Mercatini di Natale lungo il fiume Thames (Tamigi) lasciando a sinistra il City Hall e il Crown Court Southwark (Palazzo di Giustizia) fino al museo di guerra HMS Belfast dove ci fermiamo un pò per proseguire poi fino al London Bridge. Giriamo intorno alla Southwark Cathedral da dove scendiamo delle scale e raggiungiamo il Borough Market. Molto interessante l'architettura della zona, mi vengono in mente i romanzi di Charles
Dickens.
Catedrale di San Paolo e Thames River
Dopo pranzo e un pò di riposo in uno dei locali intorno al Borough Market andiamo verso Oxford Street e la zona intorno. Abbiamo disogno di cambiare un pò di euro in sterline e i negozi con il cambio migliore si trovano proprio sulla Oxford Street. La ti perdi tra i vari negozi alla ricerca di un ricordo da portare a casa per se e per i propri cari.


Tower Bridge

HMS Belfast


Borough Market
Oxford Street